Scopri la primavera

in Alto Adige!

Vai alle offerte

Fuochi del Sacro Cuore in Alto Adige: usanza dai tempi della guerra

Fuochi del Sacro Cuore

Chi si reca in Alto Adige nel mese di giugno ha la possibilità di ammirare un’antica tradizione, i Fuochi del Sacro Cuore, accesi per la prima volta nel XVIII secolo. L’usanza di accendere i fuochi sulle montagne risale in origine a quelli che un tempo erano i fuochi del solstizio d’estate pagani.

Le tradizioni altoatesine: i Fuochi del Sacro Cuore, voto a Gesù

Oggigiorno i Fuochi del Sacro Cuore devono ricordare il voto a Gesù del 1796. La regione Tirolo all’epoca era impegnata a difendersi, ma non poteva mobilitare nuove leve militari. Un ecclesiastico altoatesino ebbe l’idea di fare giurare i soldati sul cuore di Gesù nella speranza che ottenessero l’aiuto divino. Il parlamento regionale del Tirolo accettò immediatamente la proposta.

Poiché i segnali di fuochi sulle cime delle montagne potevano essere visti da lontano, ci fu un assalto di volontari. I Tirolesi espugnarono le truppe napoleoniche con una grande vittoria. Da allora ogni anno rinnovano la loro alleanza con il Sacro Cuore: accendono i fuochi a forma di croce, cuore e INRI sulle cime delle montagne.

I Fuochi del Sacro Cuore, una delle tradizioni più belle in Alto Adige, avvampano verso il cielo ogni terza domenica dopo Pentecoste. In questa giornata particolare si festeggia in tutti i paesi altoatesini anche con specialità gastronomiche regionali.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità orientata alle tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
OK