Il Campanile nel Lago di Resia: una fiaba

Il campanile del lago di Resia

Il Campanile nel Lago di Resia presso Curon in Alto Adige è l’emblema della Val Venosta. Ma come si è verificata questa atipica situazione, oggi gettonatissimo motivo fotografico? Verso la metà del secolo scorso si era deciso di utilizzare i laghi di Resia, Curon e San Valentino alla Muta per produrre energia idroelettrica.

Nel 1950 si finirono i lavori con la realizzazione di una diga e i paesi intorno furono sommersi dall’acqua: il campanile romanico della chiesa del XIV secolo venne risparmiato perché posto sotto tutela dei beni culturali. Il campanile è visibile a seconda del livello dell’acqua e questo fenomeno è avvolto da leggende e misteri e rende tutto il paesaggio circostante molto fiabesco.

Campanile nel Lago di Resia, un’attrattiva per famiglie e sportivi

Il Lago di Resia nel frattempo è diventato meta di gite adatte a tutta la famiglia: pic-nic e relax sono la forma preferita di queste gite familiari. In estate si possono intraprendere escursioni davvero emozionanti intorno al lago.

Il vento tipico del Lago di Resia invita tutti gli appassionati del kitesurf a ritrovarsi nelle sue acque, mentre d’inverno il lago ghiacciato si trasforma in una pista naturale per il pattinaggio e per la slitta a vela.

I nostri hotel nei dintorni

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità orientata alle tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
OK